Candelora a Musei. S’Incresiu e le donne ancorate alla tradizione

 

Il valore delle parole e dei gesti trasmessi nel tempo, di generazione in generazione. La fede, quella semplice, limpida e popolare, che si accompagna al culto della tradizione di paese. La gioia della festa, da condividere con tutta la comunità, e l’orgoglio di assumere un incarico oneroso da adempiere per un intero anno, sotto l’occhio critico e attento dei compaesani. A Musei S’Incresiu è un rito tutto al femminile che affonda le sue radici nei secoli, vissuto con una partecipazione così forte che a qualcuna, in chiesa, le lacrime rigano il volto. Si svolge, ogni anno, il giorno della Candelora, quando la Chiesa ricorda la presentazione di Gesù al tempio. Ne sono protagoniste assolute le donne del paese che ne fanno una questione di prestigio: tutte, fin da giovanissime, sperano di riuscire, almeno una volta nella vita, ad essere la Priora del paese. Un ruolo importante nella vita religiosa di questo villaggio fondato dai Gesuiti (il toponimo Musei, letto in senso inverso, non è altro che il nome latino di Cristo: Iesum). Spetta a lei, infatti, sovrintendere alla preparazione di tutte le ricorrenze liturgiche che scandiscono il tempo della comunità parrocchiale: dalla festa di San Giuseppe alla Pasqua, dalla festa di Sant’Ignazio di Loyola, patrono del paese, all’Immacolata. A darle aiuto, nel corso dei dodici mesi, provvederanno due giovanissime “operaie”, le obriere che lei stessa avrà cura di scegliere, in completa autonomia. Così come alla scadenza dell’incarico è la Priora che, senza intromissioni esterne (nemmeno il parroco può sindacare in materia), sceglie Sa sutta, colei che le succederà l’anno successivo. «S’Incresiu si svolge quaranta giorni dopo Natale e affonda le sue origini in un’usanza ebraica» racconta il parroco don Roberto Sciolla. «Un tempo infatti le donne non partecipavano al rito del battesimo: al fonte, col sacerdote e il bambino, c’erano solo il padre e i due padrini. La donna tornava in chiesa solo quaranta giorni dopo il battesimo: da quì il termine S’Incresiu, che letteralmente significa ritorno in chiesa».

La mattina del due febbraio il piccolo borgo si è fermato per il rito. Anche le scolaresche hanno assisitito alla cerimonia nella chiesetta parrocchiale di Sant’Ignazio. Di buonora Paola Portas, che la sera precedente con le obriere Elena Puddu e Marta Carusi aveva allestito il simulacro della Madonna, si è recata a casa de Sa Sutta, Rosanna Pianu. Poi la processione, aperta dalle launeddas suonate dal maresciallo Sotgia, si è snodata per le strade del borgo fino alla chiesa di Sant’Ignazio. Dopo la benedizione delle candele, la Priora ha acceso tutte le fiaccole attorno al simulacro della Vergine e, via via, quelle che stavano tra le mani de Sa Sutta, delle obriere e del sacerdote. A questo punto, come vuole la tradizione, la processione è ripresa per un breve tratto attorno alla chiesa, dove è rientrata pochi minuti più tardi per la celebrazione della Messa. Dopo la benedizione finale, un volo di colombe ha sancito il passaggio di consegne, suggellato da uno scambio di doni tra la Priora e il parroco. La donna ha offerto vino e dolci, il sacerdote ha ricambiato con un cesto colmo d’arance. Prima di San Giuseppe la Priora dovrà nominare le due giovani obriere. Un ruolo propedeutico all’altro, come spiega Alessandra Murru, 18 anni, figlia di Paola Portas, e che ha svolto, insieme alla coetanea Valentina Melis, il ruolo di obriera nel 2004. «Tutte coloro che sono divenute Priore sono state obriere in gioventù. Io lo sono stata due anni fa, è qualcosa che si fa per fede ma anche per tradizione. Spero un giorno di arrivare a fare ciò che ha fatto mia mamma, diventare Priora sarebbe una cosa importante». L’attaccamento delle giovani generazioni al vissuto quotidiano della propria comunità è sempre un segnale positivo. Le donne e le ragazze di Musei sono un esempio efficace di come sia possibile preservare l’identità culturale dei nostri paesi.

 

Candelora a Musei. S’Incresiu e le donne ancorate alla tradizioneultima modifica: 2007-07-08T17:45:00+02:00da robchef
Reposta per primo quest’articolo