Due o tre cose su di me

Italiano. Sardo. Iglesiente.

Quasi ex trentenne. Fidanzato.

Maturato scientifico e laureato letterario.

Giornalista. Di stampa, tv, recentemente di Rete. E, un pochetto, anche di radio. 

Romanista, sempre e comunque.

Ha pubblicato un libro. Ne avrebbe in testa anche altri ma non li scrive perché è pigro.

Ascolta molte cose ma predilige De Gregori, Mark Knopfler e, a periodi, qualche altro (periodo attuale: Michael Bublé).

Legge molto ma sempre meno narrativa. Ama Guareschi, Sciascia, il Camilleri di Montalbano, i libri sulla mafia. Detesta gli scrittori macchinosi, quelli cerebrali e tutti gli esistenzialisti.

Ama Dante e Leopardi. Detesta la matematica e la fisica.

Ama Van Gogh e Caravaggio. Non capisce l’arte astratta.

Tra i giornali preferisce Corriere della sera e Il Foglio. Non legge quelli di partito.

Tra i giornalisti amava Montanelli, segue Severgnini, Ferrara e molti altri. Non gli piacciono Santoro, Floris e molti altri.

Ama i western di Sergio Leone e di John Wayne, le commedie americane anni Cinquanta; detesta il cinema francese e i film di fantascienza. 

Ama Giovanna Mezzogiorno e Meg Ryan; detesta Jodie Foster e Julia Roberts.

Ama il mare: l’odore, il colore, l’atmosfera, le barche, il pesce. Detesta le code ovunque siano (posta, banca, semaforo). 

Ama mangiare, specie i dolci e, ancor più in specie, il gelato. Detesta le frattaglie cucinate in qualsivoglia modo.

Ama far colazione con calma la mattina. Detesta il fast food.

Ama il blu, il silenzio, l’ironia, chi si schiera. Detesta il fucsia, la confusione, chi si prende sul serio, chi si nasconde.   

Ama la rapidità, la sintesi, l’efficienza. Detesta i prolissi, i verbosi, gli inconcludenti.

Ama viaggiare. Detesta aspettare.

Ama il sabato. Detesta le domeniche.

Ama passeggiare in riva al mare e, talvolta, in campagna. Detesta fare sport, se non a livello di poltrona.

Ama Roma, la Sicilia, la Spagna.

Ama gli occhi verdi. Detesta quelli cerulei.

Ama le foto in bianco e nero di Gabrart.

Fa (o faceva) il tifo per John Mc Enroe, Chris Evert, Roger Federer, i LA Lakers.

Tra i grandi del nostro tempo ha ammirato Giovanni Paolo II. Per quelli da detestare ha l’imbarazzo della scelta.

Il suo sogno di felicità è vivere in una casa dalle cui finestre si veda e si senta il mare: e da lì poter scrivere. 

Questo è il suo primo blog. 

Due o tre cose su di meultima modifica: 2008-04-12T16:40:00+02:00da robchef
Reposta per primo quest’articolo